Termometro a gallio: migliori prodotti di Aprile 2021, prezzi, recensioni

Se sei alla ricerca di un termometro a gallio e vuoi conoscere il suo funzionamento, in questa guida ti spiegheremo ciò che devi sapere prima dell’acquisto. Si tratta di uno tra i migliori modelli in circolazione che garantisce un ottimo ed efficace sistema di lettura. Scopri le migliori marche in commercio e conosci le varie fasce di prezzo di questi prodotti.

Termometro a gallio: cos’è

Il termometro a gallio, conosciuto anche come termometro a galinstano, è un dispositivo medico molto tradizionale che serve a misurare la temperatura corporea e anche la temperatura degli oggetti, sia solidi che liquidi. Si tratta di un modello molto antico, ancora molto usato nelle case grazie alla sua estrema precisione. Oggi infatti è stato sostituito dai più moderni termometri digitali. Il fatto che il modello a galinstano abbia un funzionamento analogico comporta degli sforzi maggiori, come ad esempio il sistema di scaricamento che richiede un forte slancio con il braccio.

Il termometro a gallio è diventato presto il sostituto del termometro a mercurio, considerato fuori legge dal 2009 per la sua composizione dannosa all’organismo umano. Infatti è composto da una lega di indio, stagno e gallio, meno tossica del metallo contenuto nel mercurio.

Per funzionare sfrutta il fenomeno fisico della dilatazione termica dei corpi con l’aumentare della gradazione della temperatura. Infatti si innesca un sistema di contatto tra il serbatoio che contiene il galinstano e la superficie che si vuole misurare. Quando si vuole scaricare il prodotto occorre agitare il termometro con forza per riportare il liquido al suo serbatoio.

Come si presenta

Il termometro in galinstano è il classico termometro in vetro che spesso si trova in alternativa ai modelli digitali. A chi non è mai capitato di avere in casa questo modello di termometro molto fragile che nel tempo ha sostituito i classici al mercurio.

Infatti i termometri al gallio sono tra i modelli più affidabili in circolazione, anche più di quelli digitali. La loro precisione è un fattore molto conosciuto, per questo si consiglia di acquistare questi per l’uso domestico. I tempi di misurazione variano dai 5 ai 6 minuti. Dunque si può misurare la febbre in minor tempo rispetto ai modelli al mercurio, i quali richiedevano anche 8 minuti.

Dunque i termometri a gallio si presentano in un bastoncino ricoperto da una struttura di vetro. All’interno troveremo la striscetta con le misurazioni ed il liquido che varierà in base alla gradazione della temperatura.

Come funziona

Uno dei vantaggi più comuni del termometro a gallio è la facilità d’uso. Adoperare questi modelli è davvero semplice, non ci sono pulsanti né istruzioni troppo complesse da seguire. L’unico accorgimento a cui badare è lo scarico del liquido alla fine della misurazione. Ma procediamo con ordine.

Per avviare la misurazione con il termometro a gallio dovremo accertarci che la colonnina del liquido si trovi al di sotto della prima tacca numerata. Poi potremo procedere con la collocazione del termometro nella cavità che abbiamo scelto per la misurazione. E quindi potremo metterlo sotto l’ascella, nel retto nella zona orale.

In circa 4 o 5 minuti il termometro avrà completato la sua misurazione, quindi potremo estrarlo e leggere i valori riportati sulla striscetta con i numeri. A misurazione completata, il liquido dovrà trovarsi al di sotto della prima tacca numerata, quindi dovremo rimandare il liquido nel punto iniziale. Il peso del gallio è davvero ridotto, pertanto potremo scuotere con facilità il termometro muovendo rapidamente il polso per riportare il liquido al serbatoio.

Pulire il termometro dopo l’uso sarà molto semplice. Basterà igienizzare l’involucro in vetro e asciugarlo con un panno.

Come effettuare le misurazioni

Per misurare la temperatura nelle varie parti del corpo, occorre conoscere alcune info dettagliate. Se si sceglie di utilizzare il termometro a gallio per via rettale, bisogna inserire il bulbo del termometro, ovvero la sonda, nell’ano per circa 2 cm. All’estremità della sonda potrete applicare della crema o un apposito olio. Questo sistema viene spesso utilizzato quando si effettua una misurazione ad un neonato o ad un bambino.

Se invece si sceglie di effettuare una misurazione per via orale, quella preferita dai medici, dovremo posizionare il bulbo del termometro a destra o a sinistra della radice della lingua, vicino ai due molari. Questo tipo di misurazione fornisce dei valori precisi e molto rapidi.

Se invece decidiamo di misurare la febbre per via ascellare, il metodo più tradizionale, dovremo posizionare il bulbo nella cavità ascellare facendo pressione con il braccio. Il tempo di misurazione dovrà sempre essere di 4 minuti e non dovremo mai muovere il braccio o la spalla.

Come pulire un termometro a gallio

Dopo l’utilizzo si può pulire con cura il termometro a gallio. A differenza dei termometri senza contatto, questi modelli vengono utilizzati da tutti e c’è un contatto diretto con la pelle. Pertanto è necessario igienizzarli per il prossimo utilizzo.

Potremo adoperare delle soluzioni che abbiano una temperatura al di sotto dei 42 °C. Potremo utilizzare acqua fredda e sapone oppure adoperando un batuffolo di cotone o un panno imbevuto di alcool. Un’ottima soluzione è anche quella di immergere il termometro in una soluzione disinfettante.

Se il termometro si rompe e inizia a fuoriuscire del liquido, potrete asciugarlo con un pennello, un panno asciutto o un panno in stoffa imbevuto di schiuma.

Aspetti positivi e negativi

Il termometro a gallio viene spesso scelto per vari aspetti positivo che lo contraddistinguono e lo rendono migliore degli altri modelli. Questa tipologia di termometro è infatti considerata molto più precisa nella valutazione della temperatura, anche rispetto ai modelli digitali e a quelli al mercurio. Inoltre sembra particolarmente indicato per effettuare un’ottima valutazione della temperatura dei bambini.

Tuttavia i tempi di misurazione risultano più lunghi dei modelli digitali. Quest’ultimi infatti impiegano solo 2 minuti o pochi secondi per misurare la temperatura. I tempi dei termometri a gallio vanno invece dai 5 ai 6 minuti. Proprio per tale motivo potrebbero rappresentare un fastidio per i bambini ed i neonati.

Una grande attenzione andrà presa anche per la fragilità del prodotto. Mai metterlo nelle mani di un bambino, potrebbe farlo cadere e si potrebbe rompere.

Inoltre occorre dire che si tratta di strumenti molto essenziali. Non dispongono di alcune funzioni avute invece dai modelli digitali, come la registrazione degli ultimi risultati. Anche il sistema di lettura prevede una buona pratica, non c’è alcun display illuminato, occorre imparare a valutare la posizione del liquido all’interno del tubicino.

Migliori prodotti

Nei prossimi paragrafi vi segnaleremo i migliori prodotti di termometri a gallio. In questo modo potrete visionare le varie fasce di prezzo scegliendo il modello che fa di più al caso vostro.

Tra i prodotti più economici, vi segnaliamo i termometri di Tecnico Eco. Ottimi e veloci, hanno raccolto molte recensioni positive. Ad un prezzo leggermente più alto ma sempre accessibile troviamo i prodotti del brand Master Aid, i quali richiedono un po’ di forza in più per far scaricare il liquido.

Di buona fattura è anche il prodotto di Pharma Più. Si tratta di un termometro ovale con incluso un astuccio in plastica. Si tratta di una soluzione ecologica con una soluzione atossica, il galinstar di gallio. Una sostanza del tutto innocua e non tossica come il mercurio. La struttura del prodotto è in vetro, ed è molto igienica e si può disinfettare con facilità. E’ molto adatta a prevenire la trasmissione di germi. Il termometro è molto preciso ed efficace nella misurazione.

Classe 1993, laureata in Lingue e in Giornalismo e nata a Roma. Da sempre sono un’appassionata di scrittura in ogni sua forma: dalla cronaca all’attualità, dalla tecnologia fino all’ambito sanitario. Ho lavorato come soccorritore volontario e sono interessata a tutto ciò che riguarda la cura della persona e la prevenzione. Approfondire le tematiche è il mio unico credo, prima di tutto c’è sempre la Scoperta.

Back to top
sceltatermometro.it